Si svolgerà nuovamente in versione “digitale” la nona edizione di “Un giorno per noi”, la manifestazione organizzata dall’associazione Hakuna Matata in programma il 27 giugno a partire dalle 18.

A causa del perdurare dell’emergenza sanitaria sono state annullate le escursioni in barca a vela, barca a motore, gommoni e sui mezzi di soccorso messi a disposizione dalla Guardia Costiera che da sempre caratterizzano l’evento. Verrà invece organizzata una diretta Facebook. L’evento gode del patrocinio del Comune di Loano e vede la collaborazione di Marina di Loano e della Guardia Costiera.

“Sarebbe stato difficile far mantenere le distanze sociali ai bambini (che spesso sono accompagnati da
personale qualificato, educatori, accompagnatori, psicologi, assistenti sociali) e far rispettare i protocolli di
igiene e sicurezza sulle imbarcazioni messe a disposizione dai nostri cari armatori sostenitori – spiegano
gli organizzatori – E’ un peccato dover rinunciare a questo magico incontro, in cui bambini armatori e
genitori si preparavano per un lungo abbraccio: i ragazzi non vedevano l’ora di ritrovarsi a bordo della
loro barca preferita. Questo evento ha sempre portato felicità e gioia a tutti, non solo a i bambini, ma a
tutti coloro che ne fanno parte. Emozioni su emozioni: è così che abbiamo costruito questo magica
giornata, destinata a chi è diversamente abile. Una giornata che riempie i cuori di tutti noi: donare il
proprio tempo a chi ne ha bisogno apre nuovi orizzonti, rigenera la nostra mente e i nostri cuori. Abbiamo
continuamente bisogno di fare del bene e basta veramente poco per rendere felici questi bambini. In
questi anni in occasione di ‘Un giorno per noi’ abbiamo, cantato, ballato, sorriso con i comici di Colorado,
abbiamo assistito ad acrobazie del Team MountainBike Freestyle, alcuni ragazzi autistici hanno dato vita a
scene teatrali, si sono esibiti gli sbandieratori del Gruppo le Nuvole di Savigliano; e poi abbiamo ospitato
maghi, acrobati, associazioni sportive di danza, danza acrobatica, percussioni. Insomma, un tripudio di
eventi all’interno dell’evento con spettacoli serali in concerto”.
“Quest’anno, come l’anno scorso, abbiamo cercato di non annullare l’evento ma di modificarlo. Perciò nel
rispetto delle disposizioni governative a partire dalle 18 ci incontreremo su Facebook: mostreremo la
nostra barca ‘Adagio Blu’, come svolgiamo le nostre attività quotidiane; parleremo dell’associazione di
tutto ciò che abbiamo fatto in questi anni e come siamo nati. Sarà un momento di scambio di opinioni, di
confronto con le famiglie che solitamente cercano un’attività integrata, cioè studiata affinché ragazzi e
bambini che hanno difficolta nel linguaggio, nella comunicazione e nell’interazione con gli altri e nel gioco
possono relazionarsi insieme a coetanei che hanno uno sviluppo tipico”.
Continuano gli organizzatori:“In questi mesi di Lockdown le famiglie con ragazzi disabili hanno dovuto
riorganizzare la propria vita e anche questo potrà essere un tema della nostra diretta Facebook. Dare
spazio e voce alle famiglie è un’opportunità di sviluppo e crescita. I genitori, che rappresentano la parte
più importante di qualsiasi terapia applicata, devono portare alla luce le difficoltà che devono affrontare
durante questi mesi di pandemia dove la scuola resta chiusa e i ragazzi a casa. La scuola si è dovuta
trasformare e con lei tutti i ragazzi che la frequentavano, comprese le parti più fragili e deboli: i ragazzi e
bambini disabili che, seguiti costantemente da personale qualificato per lo sviluppo delle autonomie e
professori di sostegno, hanno dovuto continuare da casa; purtroppo per alcuni non è più stato possibile,
per via delle gravi difficoltà dell’alunno, continuare l’assistenza in via telematica. Per seguire i loro
ragazzi, i genitori hanno dovuto sospendere il lavoro, dedicarsi a pieno ritmo all’apprendimento scolastico
dei propri figli. E’ così che un genitore di un bambino disabile deve affrontare la propria vita, deve
trasformarsi, deve inventarsi, deve indossare i panni dell’educatore, dell’assistente alle autonomie, del
Ufficio Stampa
Comune di Loano
professore o maestro di sostegno, dello psicologo senza dimenticarsi di essere genitore e d’aver diritto a
vivere anche la propria vita”.
Aggiunge Eusebio Busè di Hakuna Matata:“Durante la diretta afronteremo temi importanti dai più
divertenti ai più seri e impegnativi. Passeremo qualche ora insieme per parlare di noi e di voi. Durante la
diretta pubblicheremo filmati, avremo collegamenti con autorità e mia figlia Sara autistica di 17 anni
parlerà di sé”.

“Un giorno per noi” di Hakuna Matata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...